Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

Canto irlandese 
di Giuseppe Conte

Un poemetto di Giuseppe Conte ci ha dimostrato che esiste ancora la possibilità di creare oggi una poesia civile sobria e commossa senza rinunciare al linguaggio lirico e senza cadere nella vuota retorica. Da quest’ipotesi, da questo testo è partita la ricerca del numero presente: lo ripubblichiamo, con la gentile autorizzazione dell’autore, dalla rivista «Titus» n. 3, maggio 1986 (Arezzo). È dedicata al patriota irlandese Bobby Sands, lasciatosi morire di fame in carcere nel marzo 1981.

In memoriam
Bobby Sands


Qualcuno lo ricorda ancora, Bobby
Sands, i suoi zigomi da pellerossa,
il suo sorriso tambureggiante

il suo sorriso di gioia e di riscossa?
Qualcuno lo ricorda ancora, il

ragazzo del carcere di Maze?

I secondini portavano in cella

ogni giorno le arance e il pane nero,

sbattevano le porte, ridevano

forte tra loro; dicevano: «è vero?

non toccherà neppure più la gelatina?
andrà diritto per la sua strada?»

E lo spogliavano, ogni mattina
e sguardi impauriti scendevano
giù dal collo sino al costato.

E intanto Marzo era incominciato

e fuori l’inverno scricchiolava

sulle brughiere, sulle lingue di sabbia

dove il mare lento si inarcava
sulle scogliere confinanti con i
pascoli, dove solitari

cavalli bradi dal manto grigio
sostavano obliqui, contrari

al correre costante delle nuvole.

Fuori le onde continuavano

ad assottigliarsi tra le alghe brune

e i laghi ad inseguirsi, amarsi, come

crollati a capofitto tra le colline.
Il ragazzo del carcere di Maze
Voleva scrivere, scrivere poemi.

E vide un giorno da un’inferriata
le briciole di pane che un amico
lanciò, udì i primi cantori

scesi a beccarle: «qualcuno almeno
mangi!» pensò: era un antico
sogno bambino il suo, sapere

la vita degli alati, dove vanno

nel cielo dell’equinozio, dove tutte le sere
ritornano. Alati! Alati neri, i

corvi li udì mentre calavano

sui comignoli larghi delle case
da Armagh a Clifden, patriarchi

loro, del volo e dell’attesa.

I corvi hanno secoli per andarsene.
Sorvolano falesie, sabbie, città

che hanno veduto nascere e vedranno

cadere. Spesso la loro immobilità

è un mistero. Spesso il loro urlo

più roco di quello dell’uragano.

E udì i chiurli, i fringuelli, il loro
richiamo di fine inverno, compagni

cantori dei bucaneve e delle primule.
E attese di udire le allodole

spiriti felici che pure sanno

della morte qualcosa di più certo
che noi; le attese: «se verranno
presto e voleranno alto, l’estate

sarà secca e calda, l’estate

nuova, che io non vivrò». E ricordava
da bambino, quando a guardarle

il pianto di una libertà sovrumana

il sogno di una chiarità d’oltre cielo

lo prendeva. Che cosa c’è di là dei canti

dei gorghi di luce che né crochi

né papaveri possono fare quaggiù?
Oh li aveva amati tutti gli

alati e tutti i voli. E ora i secondini
portavano patate calde e pane nero,
ridevano sulla porta della cella

e battevano forte le mani.

«E’ vero che non tocca più niente?
Questo muore, questo muore domani».

E lui per un attimo voleva
formaggio olandese e miele, ma

poi sorrideva: «passeranno a sciami

traverso la mia gola spalancata
presto rugiade e costellazioni.

Correnti che nessuno conosce

presto mi accompagneranno, canzoni
di timpani e triangoli in fondo al mare.
Europa che non sai più ascoltare

le voci dei confini, delle foreste

le voci delle onde e dei fondali,
Europa senza poemi, Europa muta

dai templi isteriliti, sghembi
fatti di vetro e d’erba marcita
Europa saccheggiata, caduta.

Dove sono gli stormi dei gabbiani

che scalavano ogni giorno i promontori
dove dispersi gli iris e le calendule?

E i boschi sacri, le pietre in cerchio
delle tue vette, parallele

al sole e alle galassie, dove sono?»

Moriva: e insieme a lui allora
furono tanti, furono schiere.

I secondini portavano nella cella

il vassoio pieno e il bicchiere,

sbattevano forte la porta
ridevano forte tra loro.

«Qualcuno se ne andrà questa volta!»
Finì quel Marzo dell’81

vennero i mesi del verde e del chiaro

cielo, ma i ragazzi del carcere di Maze
caddero come gli iris e le calendule
che una tempesta astrale baca sullo

stelo: Bobby Sands, Francis Hughes,
Raymond McCreesh, Patsy O’Hara

e Thomas McElwee, di cui la bara

vuota, portata a spalle a sera, per le vie
di Galway io ho salutato a capo chino.
Tu dio dell’aria e della terra e delle

acque, dio dei miraggi e della marea
montante e dei fortunali, dio-bambino,
che ami le battaglie e le sirene

che hai casa in ogni alba e in ogni
tramonto, tu che sai le pene

di chi è fratello in morte, tu accoglili.

Il ragazzo del carcere di Maze
voleva scrivere, scrivere poemi,
ma non ebbe più forze né sogni.

I secondini mangiavano in cella
arance e pane nero, ridevano forte
tra loro. Era vero, era andato

diritto per la sua strada, oltre ogni
porta da chiudere e da aprire
ogni oltre gioia e ogni dolore

era migrato ormai. La mattina
lo spogliarono, sguardi impauriti
scesero sul collo e sul costato

E Marzo è passato e tornato
fuori la primavera ha ancora
fronti di fiori viola e vermigli

nuvole che volano nel cielo

come uccelli di passo verso la foce
tiepida di un fiume. Il ragazzo

del carcere di Maze, ricordatelo!
Alto con le allodole della luce.

 

 

[1983-1986, primavera]


¬ top of page


Iniziative
15 ottobre 2022
Hodoeporica al Salon de la Revue di Parigi

19 settembre 2022
Poeti di "Semicerchio" presentano l'antologia ANIMALIA

13 maggio 2022
Carteggio Ripellino-Holan su Semicerchio. Roma 13 maggio

10 maggio 2022
Recensibili 2022

26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398