Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

MICHELE PIERRI, E ti chiamo - libera verità, Trento, a cura di Giuseppe Pierri e con uno scritto di Donato Valli, La Finestra, pp. liv + 451, Euro 48,00.

La raccolta contiene tutti gli scritti di Michele Pierri pubblicati in mezzo secolo di attività. Nella lettera introduttiva a Contemplazione e rivolta (1950) Carlo Bo scriveva: «Questo modo segreto ed esigente di scienza umana è il primo atto, l’atto indispensabile della poesia, se davvero la poesia non vuole essere soltanto una diminuzione sentimentale». La poesia di Pierri non è una poesia ‘atteggiata’, è una poesia, piuttosto, letterale. L’atteggiamento è gnostico, come di colui che è straniero al mondo, ma non per questo meno partecipato (il cattolicesimo marxista come possibile fuoriuscita dal mondo). Se ci furono cose nascoste sin dalla fondazione del mondo è compito del poeta enunciarle operando un ritorno al centro, la riconquista del proprio non-luogo. L’esistenza come spazio vuoto è d’altra parte tema frequente nella poesia di Pierri: «Rimase appesa al muro / la cornice da cui / il ladro portò via / il prezioso dipinto. // In quel vuoto sul muro / è segnato, non so da chi, / il mio nome – e non il tuo / per ridurmi più solo» (Dipinto rubato). Nella raccolta Chico ed io (Chico è una gazza), sono rievocate le istanze montaliane rappresentate dall’angelo nero, ed è sempre a Montale che è possibile rinviare la concezione del sacrificio pierriano, al Montale delle Occasioni. L’atto dell’offerta è nel sacrificio l’elemento di sacralità. Questo elemento rappresenta ciò che è condiviso tra l’uomo e Dio. L’elemento è per il Poeta la lettera (non la parola) posta sull’altare della pagina per essere ‘sacrificata’. La soppressione crea il vuoto: il Poeta si disfa della lettera per comunicare con Dio. Ma tolta di mezzo, la lettera annienta la funzione del poeta ed è la sua una tensione che si manifesta sul muro dell’esistenza proprio là dove prima trovava posto un quadro o un qualsiasi altro oggetto. La lettera è allora dipinta nel quadro, è il quadro stesso sotto il quale è posto il nome del poeta. La lettera della poesia vibra sul silenzio, soltanto l’accordo con le altre lettere può sostenerla perché la musica è prima di ogni cosa, è il silenzio prima del logos. Il poeta può riconoscersi sotto la lettera dipinta una volta che essa è ‘sacrificata’ sull’altare della finzione. Il doppio del Poeta, esemplato nell’espressione duale e programmatica fin dal titolo di Chico ed io, sta dietro la lettera, sotto il quadro, sotto la pietra del sepolcro: «Dovrai però contentarti / di quanto vi è nascosto / nel mio volere senza / potere – averti a costo / d’una simulazione; / ribaltata la pietra / del sepolcro, violare / quel Nulla tanto astuto / che meglio di me invece / ti conosce, se per questo / ti ha così dissolta» (in Ritratto di donna, La simulazione). La funzione poetica consiste nel ribaltare la pietra, violare quel Nulla che è tanto astuto perché si manifesta nelle apparenze e conosce quella donna meglio dello stesso poeta. Non c’è identificazione tra il poeta e la ‘donna’, tra il poeta e l’essenza di ogni cosa, ma la volontà di violare, di partecipare del principio generante-generatore. E non si tratta, detto altrimenti, di una visione mistica (identificazione) quanto iniziatica della poesia, a cui si accede per gradi e fino ai propri limiti.

Marco Albertazzi

¬ top of page


Iniziative
19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398