Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

MICHELE PIERRI, E ti chiamo - libera verità, Trento, a cura di Giuseppe Pierri e con uno scritto di Donato Valli, La Finestra, pp. liv + 451, Euro 48,00.

La raccolta contiene tutti gli scritti di Michele Pierri pubblicati in mezzo secolo di attività. Nella lettera introduttiva a Contemplazione e rivolta (1950) Carlo Bo scriveva: «Questo modo segreto ed esigente di scienza umana è il primo atto, l’atto indispensabile della poesia, se davvero la poesia non vuole essere soltanto una diminuzione sentimentale». La poesia di Pierri non è una poesia ‘atteggiata’, è una poesia, piuttosto, letterale. L’atteggiamento è gnostico, come di colui che è straniero al mondo, ma non per questo meno partecipato (il cattolicesimo marxista come possibile fuoriuscita dal mondo). Se ci furono cose nascoste sin dalla fondazione del mondo è compito del poeta enunciarle operando un ritorno al centro, la riconquista del proprio non-luogo. L’esistenza come spazio vuoto è d’altra parte tema frequente nella poesia di Pierri: «Rimase appesa al muro / la cornice da cui / il ladro portò via / il prezioso dipinto. // In quel vuoto sul muro / è segnato, non so da chi, / il mio nome – e non il tuo / per ridurmi più solo» (Dipinto rubato). Nella raccolta Chico ed io (Chico è una gazza), sono rievocate le istanze montaliane rappresentate dall’angelo nero, ed è sempre a Montale che è possibile rinviare la concezione del sacrificio pierriano, al Montale delle Occasioni. L’atto dell’offerta è nel sacrificio l’elemento di sacralità. Questo elemento rappresenta ciò che è condiviso tra l’uomo e Dio. L’elemento è per il Poeta la lettera (non la parola) posta sull’altare della pagina per essere ‘sacrificata’. La soppressione crea il vuoto: il Poeta si disfa della lettera per comunicare con Dio. Ma tolta di mezzo, la lettera annienta la funzione del poeta ed è la sua una tensione che si manifesta sul muro dell’esistenza proprio là dove prima trovava posto un quadro o un qualsiasi altro oggetto. La lettera è allora dipinta nel quadro, è il quadro stesso sotto il quale è posto il nome del poeta. La lettera della poesia vibra sul silenzio, soltanto l’accordo con le altre lettere può sostenerla perché la musica è prima di ogni cosa, è il silenzio prima del logos. Il poeta può riconoscersi sotto la lettera dipinta una volta che essa è ‘sacrificata’ sull’altare della finzione. Il doppio del Poeta, esemplato nell’espressione duale e programmatica fin dal titolo di Chico ed io, sta dietro la lettera, sotto il quadro, sotto la pietra del sepolcro: «Dovrai però contentarti / di quanto vi è nascosto / nel mio volere senza / potere – averti a costo / d’una simulazione; / ribaltata la pietra / del sepolcro, violare / quel Nulla tanto astuto / che meglio di me invece / ti conosce, se per questo / ti ha così dissolta» (in Ritratto di donna, La simulazione). La funzione poetica consiste nel ribaltare la pietra, violare quel Nulla che è tanto astuto perché si manifesta nelle apparenze e conosce quella donna meglio dello stesso poeta. Non c’è identificazione tra il poeta e la ‘donna’, tra il poeta e l’essenza di ogni cosa, ma la volontà di violare, di partecipare del principio generante-generatore. E non si tratta, detto altrimenti, di una visione mistica (identificazione) quanto iniziatica della poesia, a cui si accede per gradi e fino ai propri limiti.

Marco Albertazzi

¬ top of page


Iniziative
5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398