Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

Semicerchio XXXIX (2008/02) Waste Lands. Eliot & Dante. pp. 66-67

 

la cosa prima

perché la cosa prima di scegliersi è finire
e una volta morti e aperti i semi
patire i gusci dentro il letto, tentare
di aprire le ali sforacchiate, girarsi
e rigirarsi senza tempo senza pace

la cosa prima ancora è riposarti senza
una parola senza occhi senza dito
che sulla punta tremi tagli stacchi
l’adesivo tocchi il buio senza fondo,
turi ancora l’orecchio, scalzi il dente

l’ultima cosa ancora precedente sarà
partire senza averti minato, campo
di lancio o di preghiere sotto
un velo, alta la lode al cielo e
ritrovarti arato aperto disossato

e ciò che c’era nella mente c’era stato
un filo di vento, senza tradizione,
un tempo senza nessun avviso,
in cui dentro qualcosa di vecchio fu
dopo un secolo di febbre il tuo sorriso

 

rossa in testa

è stato come lavar via il colore delle fragole
vederti in questa casa fedele rimanere
zitta costellata di punte di macchie
di gore sul tessuto, come vedere
i capelli di mia madre perdere
la trama e non conoscere i suoi occhi
allora ti ho pettinato via dalla mia casa,
(rossa in testa)

Quel momento uno tra dormire e non dormire
in cui mi traversi le valli, le macchie,
disteso su sacchi passi rovine di castelli,
braccia, campi, spuntoni di ginocchia
e il tuo regalo è porgerti ed accorgerti
saperti raccontare senza dire. Quel momento
apre una mano a quel che posso ma
che non ricordo, mi lancia e sbatte
in terra ovunque questa sia, tra il sonno
a bocca aperta resta amaro che non spiego,
che non ho voluto (significa nel giorno
si è già troppo vissuto)
(Da Il dentro e il come)

Buongiorno, casa abbandonata
tra i ghiacci, salve, cartuccia
in canna, pertica da cui
si penzola a guardare
ciò che meglio sarebbe stato,
buongiorno!
E sono benvenuta nella gora
nel freddo argento dei cardi
ma il saluto in natura
è comunicazione rada,
spenta come chi
cui solo solitaria
riferisco

Dimmi come hai scordato
ciò che sta dietro agli occhi.
Oggi è il vento che batte
melograno e nocciolo,
e intorba l’acqua alle rane:
dimmi con che volo di mosca,
con straccio salato hai staccato
quel che strideva, la schiuma
che affiora, la macchia sanguigna –
o imperterrita striscia,
odore di morte, dolore di volpe.
Dimmi quando, se arriva
in un fiato, l’attimo netto
il foglio che gira, il libro che cambia.
Resta per ora al gomito il segno
di crosta. La pezza vuota sull’arto,
il consiglio d’amico.

Nell’ultimo mese dei tuoi trenta
porgo a te le cose
che ti cristoforeggiano,
le ammiro, le guardo
le descrivo, e manca
il numero del lotto
uscito sulla terna,
e nello stesso tempo
nessuno è più capace
di cenciare, annichilire
l’unta polvere deposta
sulle carte.


APRI IL PASSAGGIO

Apri il passaggio attraverso la rete.
Sbrana, riattacca, riponi l’ordine
delle lancette, dell’ampio giro
che ha fatto il tempo prima
di giungere qui, a noi, ormai,
passa: e rigenera fretta il riarmo,
che è tardi, di nuovo e nei cesti
s’incontrano i passi sui gusci
dell’uovo; risuona, ricolloca i pezzi,
se uno solo mancasse – saresti


AL FIANCO DELLA GORA

Vetro e crepitio di forasacchi sotto i piedi
e brevi piume che perdi sotto la testa bionda.
Tu sai il passato con gli occhi
la testa tra le gambe mi nasconde
quanto di brutto è stato
quanto di bello è perso.
Cammino al fianco della gora come al tuo
magro: dove allinea e dondola il treno
della schiena, batte il ginocchio
la lenza con cui, dolce, ti ho pescato.
Placami la voce e gli occhi con i tuoi
se come sembra, conosci ogni mia lingua
come il sole e il tempo,
come la punta della mano.


POOR LANDSCAPE (Max Svabinsky-Praha)

Il dorso delle mani all’erba medica.
Duole la coda seduta in cima alla collina d’ossa.
Si guarda intorno, non è l’azzurro, o il verde
è il lavoro alle cicale che manca, la diffusa umiltà
a non lasciarla sola


IN FONDO NELLA GORA

Si buttano le rondini con la voce
stretta a tuffo nella fossa
muta d’acqua e unta di cemento.
Hanno il grido acuto, cupo
delle fini, nell’ora rapida prima
della sera, la mia fretta
di tornare: pur dove l’osso del nido
scricchiola, dove il gatto minaccia.
Non temono la cerca, né
le pause del vento, o radere l’argine
in volo basso e incostante sulle chiome.
Sanno che è un rischio la stagione calda.
Quel che appare adesso in fondo nella gora
è una macchia lunga, magra, bianca.
Forse, sfiancato, giunto a una ventata
come airone pallido
fuggi le tempeste
(Da Nell’acqua della gora)


¬ top of page


Iniziative
4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

23 marzo 2018
Libri recensibili per maggio 2018

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398