Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

da Semicerchio 48-49 (2013)

SIMONE GIUSTI, Leggenda e altri discorsi, Faenza, Mobydick, 2012, pp. 64, € 10,00.

 

            Nella sua raccolta d’esordio,Simone Giusti offre al lettore i risultati di un laboratorio poetico ormai ventennale, raccogliendo testi realizzati nel corso degli anni Novanta, poi lasciati decantare, meditati e infine ripresi, riletti, in qualche caso rielaborati. Testi nati in occasioni e contesti umani, culturali, esistenziali molto diversi, ma tutti intimamente legati alle vicende personali dell'autore, cosicché il libro si presenta come una sorta di autobiografia in versi, autobiografia però riletta in chiave mitica e, parzialmente, romantica, leggendaria, dove la parola leggenda rinvia alle mitografie popolari novecentesche, al West, alla frontiera. Quello di Giustiè, di fatto, un libro di frontiera, anzi di molte frontiere, personali, biografiche, e immaginarie, senza peraltro che tra i due campi, quello del vissuto e quello del ‘creduto’, o del sognato, possa darsi una facile distinzione. Nella sequenza di testi che dà il titolo al volume, Leggenda, quasi una sceneggiatura in versi, Giusti tenta l’operazione di riscrivere il (falso) dualismo caproniano fra cacciatore e cacciato in salsa, diciamo così, spaghetti-western. Conservando le atmosfere metafisiche del modello ‘nobile’ (non scordiamo, del resto, che esiste anche un "western metafisico"), l’autore le contamina però con i sali di un humour acre, da mezzo sorriso all’angolo della bocca, che conferisce al testo corpo, grinta, nerbo, e un’amarezza a denti stretti. Il duello tra un io-pistolero in carne ed ossa e un ineffabile avversario-nemesi, non privo di tocchi efferati, è una sorta di resa dei conti rabbiosa con l’io/tu del proprio destino, un gesto a-eroico motivato solo da una testarda, insensata e finalmente inutile volontà di far salva la pelle, nonostante tutto congiuri per indurre il ‘protagonista’ alla resa («ti cercano per farti morire / insisto a voler sopravvivere»). Questa attitudine di uomo disilluso, e tuttavia mai cinico, sempre coinvolto e insieme sconvolto dalla vita, dalla storia, dalle eterne illusioni umane (significativa la citazione di Thoreau posta in esergo), caratterizza l’intera raccolta, rinviando ad atmosfere ora cinematografiche, ora da novella ottocentesca rurale (penso a versi come «le donne a casa ad aspettare sole / con dei bei fianchi e delle sigarette / e cibo e vino e tanto amore / la paura che fa sempre compagnia»), fino a sfociare nella viscerale prosa ‘lirica’ Zac zac, un testo loufoque, alla Poe, che è forse la prova più potente, e insieme dolorante, della raccolta. Ma Leggenda è anche un libro di luoghi, di dimore esistenziali. E se la permanenza in Salento, dove l'autore ha vissuto nei tardi anni Novanta, ha lasciato tracce decisive nei testi, tra le pagine più riuscite ci sono quelle, da saporito e crudo romanzo familiare, che raccontano la Maremma, regione natale di Giusti. Una Maremma che è, che era (se ogni leggenda non è che realtà trascorsa, scomparsa, e in quanto tale divenuta materia di rimpianto) a tutti gli effetti West, il nostro unico e profondo West, dato che l'America inizia, nella pittoresca geografia della costa toscana, con il pueblo de ‘la California’. Quella che Giusti racconta è una Maremma-frontiera solcata dalle ombre dei mandriani a cavallo, terra di emigranti, minatori e grandi giocatori di baseball, paese abitato da uomini con la «pellaccia», come il nonno, «un highlander nostrano che sta nella mia terra e la protegge...»: ma anche terra di vivai, terra lastricata di fiori e quindi, inevitabilmente, sospesa sopra ‘muri della terra’, anzi sopra muri di letame, se è da lì che i fiori nascono, sorgendo dalla putredine, dal disfacimento della «terra verminosa e puzzona». Il tema del comune destino biologico, inteso come annuncio e manifestazione della morte, rappresenta una delle costanti tematiche del libro, mostrando attraverso immagini crude, talora scatologiche, il lato osceno, mortuario di ogni ‘leggenda’. Altri aspetti caratterizzanti il libro, anch’essi chiaramente connotati in senso autobiografico, sono gli spunti metalettari e il raffinato gioco citazionistico messo in campo da Giusti, all’interno di una precisa ma libera costellazione di autori amati, dove Caproni e Céline siedono, presumibilmente su una ruvida panca d’osteria, a fianco dei CCCP. A una stringente riflessione sul rapporto tra identità individuale e ciclicità dei ruoli familiari all’interno dello stritolante meccanismo generazionale («vi siete presi tutto / non l’avete fatto apposta /  – no davvero»), si affiancano poi  raffinati interrogativi circa il senso della comunicazione interpersonale e le ragioni del costante inciampare del linguaggio tra le pieghe dell’appetizione, tema questo su cui Giusti scrive alcuni dei suoi versi più partecipati, e musicali: «perché se il mondo è lingua solamente / allora io sono perché tutti / siamo, io penso perché noi pensiamo e quel che penso / non fa che rimbalzarmi dentro». Fuori e dentro il mito – un mito che si sa comunque irrealizzabile, e perduto – Giusti si rivela voce ascrivibile alla lunga, e nobile, tradizione di ruvido romanticismo anarchico riscontrabile in molti toscani, per così dire, costieri (se esistono, come credo, almeno due Toscane, la marittima e la contadina), ‘nervosi per natura’, di cui condivide non solo la disperazione ma anche l’ironia e talora una certa, esibita, volontà ludica. Rispetto a un Bianciardi, o a un Piero Ciampi, Giusti si dimostra tuttavia indisponibile alle chiusure di un ostinato e autodistruttivo individualismo: la sua scrittura cerca la strada della comune condivisione e collaborazione, nella umana certezza che le nostre storie ci accomunano, se comune a tutti è la pena del vivere.

                                                                        (Riccardo Donati)
¬ top of page


Iniziative
19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398